Archivi tag: mint

Linux Mint Cinnamon con Enlightenment E21

Già da un po’ di tempo Linux Mint Mint 18 è diventata ufficialmente la mia distro linux preferita. Derivata da Ubuntu, ne eredita la semplicità e l’ottimo supporto all’hardware ma utilizza come interfaccia grafica Cinnamon che trovo davvero ben fatto per le esigenze di chi utilizza il PC come “desktop”, ovvero nella maniera più classica.

Di recente ho avuto modo di provare l’ultima versione di Enlightenment che ho sempre trovato fantastica anche se più adatta all’utente esperto. Si discosta molto da Cinnamon ma merita senz’altro di essere provata da chi, come me, programma. Aggiungerla al sistema tramite apt e i repository PPA è davvero semplice, basta aprire un Terminale e digitare:

$ sudo add-apt-repository ppa:niko2040/e19
$ sudo apt-get update
$ sudo apt-get install enlightenment terminology

A questo punto disconnettersi e avviare una nuova sessione selezionando Enlightenment come display manager (se si usa LightDM cliccare sull’icona a fianco del nome utente prima di confermare la password con il tasto INVIO).

Queste istruzioni sono valide ovviamente anche per Ubuntu.

Ricerca desktop

Una funzione che secondo me dovrebbe essere inclusa nei moderni desktop environment di Linux è la ricerca desktop, ovvero la ricerca di file per contenuto – e non mi riferisco solo a semplici file di testo ma anche documenti di office – e per parole chiave. Un po’ come su Windows oppure, meglio ancora, come in Spotlight su OS X.

In realtà esiste un tool che si avvicina molto e che ben si adatta per gli ambienti Gnome e Cinnamon: si chiama Tracker.

Tracker offre una semplice interfaccia grafica che permette di interrogare il database di indicizzazione, che viene gestito autonomamente dal suo motore interno lavorando in background.

Per averlo è sufficiente digitare nella shell:

$ sudo apt-get install tracker tracker-gui tracker-miner-fs

Quindi eseguire un logout e poi accedere di nuovo. Tracker eseguirà in background una prima indicizzazione della propria home directory. E’ possibile ovviamente personalizzare la configurazione del programma per meglio adattarlo alle proprie esigenze.